Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. 

Eurostat: nel 2016 rifiuti in discarica al 24 %, crescita incenerimento

Il 22 gennaio 2018 l'Istituto di statistica UE ha pubblicato il rapporto sui rifiuti urbani nei Paesi UE, il tasso di discarica è al 24% nel 2016, bene riciclaggio e compostaggio (Italia al 51%), cresce l'incenerimento.

La quantità di rifiuti prodotti pro capite nella UE nel 2016 è stata di 480Kg, in deciso calo rispetto al picco di 527 Kg del 2002 e vicina ai 483 Kg del 2015. Le statistiche sui rifiuti urbani pubblicate da Eurostat hanno analizzato il periodo 1995-2016 prendendo in considerazione i dati dei 28 stati membri e altri stati come la ex Yugoslavia, la Macedonia, la Turchia la Bosnia Herzegovina, l'Islanda, la Norvegia e la Svizzera. Confermata l'incidenza positiva della normativa UE sui rifiuti, in particolare la direttiva imballaggi 94/62/CE e la direttiva discariche 31/1999/CE. Il tasso di discarica rispetto la produzione di rifiuti urbani nell'UE a 28 è sceso dal 64% nel 1995 al 24% nel 2016.

Dati positivi dal riciclaggio e compostaggio che hanno rappresentato il 46% nel 2016 in relazione alla produzione di rifiuti (in Italia è il 51% dopo Olanda, Belgio, Austria e Germania. Per contro l'incenerimento dei rifiuti è cresciuto costantemente nel periodo di riferimento, sebbene non tanto quanto il riciclaggio e il compostaggio. Dal 1995 la quantità dei rifiuti urbani inceneriti nell'UE a 28 è aumentata di 34 milioni di tonnellate (+105%) e ha rappresentato 66 milioni di tonnellate nel 2016. I rifiuti urbani inceneriti sono quindi passati da 67 KG pro capite a 131 Kg pro capite.

Maggiori informazioni su http://ec.europa.eu/eurostat

 

Fonte: Reteambiente