Questo sito utilizza i cookie tecnici per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. 

I sacchetti delle merendine vanno differenziati?

26219603 2016818171927226 2558524681703942950 n

26238813 2016818165260560 8883832565202457054 n

26734437 2016818161927227 2245326044400487262 n

Riciclare il 65% di plastica da imballaggio? Si può fare…

È quanto afferma un nuovo studio pubblicato da Plastics Recyclers Europe, associazione dei riciclatori europei di materie plastiche. Al target UE del 55% è aggiunto l’export extra-UE.

L’associazione dei riciclatori europei di materie plastiche PRE (Plastics Recyclers Europe) ha diffuso i risultati di uno studio commissionato a Deloitte per valutare i benefici ambientali, economici e sociali del raggiungimento della soglia del 55% di riciclo di imballaggi in plastica, che arriverebbe al 65% considerando nel computo anche il materiale esportato fuori dalla UE.

Secondo i ricercatori, l’obiettivo del 55% è raggiungibile a livello comunitario entro il 2025, a condizione che vengano messe in atto misure di sostegno al fine di aumentare le capacità di selezione dei rifiuti - anche attraverso l’ampliamento della raccolta differenziata -, migliorare la qualità del materiale riciclato e l’accettazione da parte dei consumatori, attraverso la creazione di standard armonizzati, certificazioni, marchi ed etichette.

rifiuti plasticiNon meno importante, è che l’industria dell’imballaggio ripensi le confezioni, semplificandole, al fine di agevolare il recupero a fine vita, secondo i principi del Design for Recycling. Il tutto deve essere accompagnato da una forte azione di comunicazione che coinvolga l’intera filiera delle materie plastiche e da una spinta legislativa che renda più oneroso - o limuti fortemente - il conferimento in discarica e favorisca, anche mediante sostegni economici, un maggiore utilizzo dei prodotti ottenuti da materiali riciclati, aprendo nuovi campi applicativi. Specie se si considera che raggiungendo il target UE del 55% (contro l’attuale 22,5%) il mercato dovrà assorbire ogni anno circa 12 milioni di tonnellate annue di materiale rigenerato, ovvero oltre il doppio del volume generato nel 2014 e un terzo circa della plastica consumata nei diversi settori finali.

Guardando all’ambiente, notano i ricercatori, la sostituzione di materie prime vergine con quelle rigenerate consentirebbe di ridurre fino all’80% le emissioni di CO2, mentre sotto il profilo economico e sociale si stimano 115mila nuovi posti di lavoroe un miliardo di euro di benefici economici. Benefici che dipenderanno anche dal prezzo che i materiali rigenerati riusciranno a spuntare sul mercato.

Resta l’incognita della Cina. Lo studio stima infatti che circa 1,9 milioni di tonnellate di rifiuti plastici raccolti siano destinati a riciclo fuori dall’Europa, soprattutto in Asia, costituendo una opportunità persa per i riciclatori europei. Le recenti restrizioni annunciate dal governo cinese sulle importazioni di rifiuti potrebbero però riportare parte dei flussi alle aziende europee del settore.

 

Fonte:Polimerica.it

In mostra a Milano tutta la potenza della carta, dal disegno alla scultura

L'igroscopia è la capacità di quelle sostanze che tendono ad assorbire le molecole d'acqua presenti nell'ambiente circostante; tra queste, la carta, il supporto che congiunge le opere dei 12 artisti internazionali coinvolti nel progetto espositivo che unisce i lavori di Sol Lewitt, Ugo La Pietra, Fausto Melotti, Hidetoshi Nagasawa, David Reimondo, Aldo Spinelli, Natalino Tondo, David Tremlett, Francesco Arena, Umberto Bignardi, Pietro Consagra, Daniele D'Acquisto. La carta e i suoi derivati, dunque, come supporto privilegiato per reinventare il concetto di spazio, partendo dal disegno e approdando all'installazione e alla scultura. Maestri consolidati e giovani artisti hanno utilizzato la Galleria Bianconi di Milano come un terreno di sperimentazione, grazie alle potenzialità di un materiale apparentemente fragile, la carta, che però rivela potenzialità inaspettate. Dal 16 novembre al 22 dicembre

Qual'è il modo migliore per pulire le finestre

23131916 944542139019205 5280138044082651815 n

Cambio stagione, tempo di pulizie! Ma qual è il modo migliore per pulire le finestre? Il giornale letto, bagnato, appallottolato e passato energicamente sui vetri. E per asciugare... sempre una passata di giornale, ma asciutto: ti ci potrai specchiare. 
Lo sapevi?

Residui alimentari, da UE spinta alla donazione

Per ridurre le eccedenze alimentari destinate al trattamento in qualità di rifiuti e al collocamento in discarica la UE, nel piano di azione dell'economia circolare, mira ad agevolare la donazione degli alimenti.

La Commissione Europea, con comunicazione 25 Ottobre 2017, ha pubblicato gli orientamenti dell'UE rispetto alle donazioni alimentari. La ridistribuzione alimentare è il processo attraversi il quale le eccedenze alimentari vengono recuperate, raccolte e fornite a persone in stato di bisogno. I rifiuti alimentari (88 milioni di tonnellate annue nell'UE) esercitano una pressione indebita sulle risorse naturali e sull'ambiente, motivo per cui la UE spinge la limitazione di produzione di eccedenze alimentare, e laddove si creino ad una migliore destinazione possibile.

Si ricorda che in Italia vige la legge 166/2016 relativa alle eccedenze alimentari e contro la lotta agli sprechi, ossia quell'insieme di prodotti scartati dalla catena agroalimentare ancora consumabili, pertanto destinabili al consumo e che sarebbero destinati a essere smaltiti come rifiuti.