Questo sito utilizza i cookie tecnici per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. 

Filiere

Le tipologie di rifiuti su cui si intende intervenire sono strettamente collegate alle azioni per incentivare il riciclo dei rifiuti (riciclo e riuso). Punto di partenza è, senza dubbio, la realizzazione di una Raccolta differenziata di qualità. Già il Piano Provinciale per la Gestione dei Rifiuti, D.C.P. n. 19 del 01.04.2008, ha previsto una raccolta differenziata prioritariamente dei seguenti materiali: carta, cartone, vetro, plastica. Ora si intende sviluppare la raccolta anche coinvolgendo gli utenti nell’attenzione verso altri materiali la cui raccolta differenziata rappresenta un miglioramento della qualità ambientale (es. la raccolta olii frittura contribuisce a diminuire l’inquinamento prodotto dagli olii nei depuratori e nei fiumi e laghi). Si prevede la realizzazione di azioni incentivanti nei riguardi dei cittadini virtuosi (sconti acquisto materiali GPP, riduzione tariffa) e il conferimento diretto di alcuni materiali presso gli ecocentri dotati degli appositi contenitori anche dei RAEE. A supporto della raccolta differenziata di tali materiali, con il servizio del “porta a porta”, vengono quindi realizzati e potenziati gli ecocentri (a livello intercomunale o comunale) dotati di apposite attrezzature per il conferimento ed per il trasporto verso i consorzi o la piattaforma di un materiale “di qualità” da recuperare e riciclare. La lavorazione industriale di tali materiali e la reintroduzione sul mercato di oggetti realizzati mediante il riciclo costituiscono gli ulteriori passaggi che completano le “Filiere del Recupero e Riciclo”.In questo contesto particolare attenzione al Piano di Comunicazione e all’applicazione della DGR del 13 aprile 2012, n. 162 “Approvazione Linee Guida per la gestione delle Raccolte Differenziate dei rifiuti urbani nella Regione Lazio”, il documento che fornisce, tra l’altro, le indicazioni necessarie per la raccolta differenziata a partire dalle tipologie e colorazioni standard da adottare nella RD. Da tutto ciò vengono implementate le filiere del riciclo e recupero già avviate nel Programma 2013.Fonte di analisi “Rapporto Italia del Riciclo 2013” e pubblicazioni progetto Life + “Mo.Re. & Mo.Re.”.