Questo sito utilizza i cookie tecnici per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. 

Cresce la raccolta differenziata carta e cartone in provincia di Rieti

Nel 2014 in provincia di Rieti sono state raccolte oltre 3.000 tonnellate di carta e cartone.
Il dato si evince dall’analisi MUD 2015 RIFIUTI 2014 comunicati dai Comuni reatini in merito alla raccolta di materiale differenziato di tipo carta e cartone (codice CER 200101) pari a 2.590 tonnellate e di imballaggi in carta e cartone (CER 150101) pari a 450 tonnellate.
Gli abitanti che effettuano questa raccolta differenziata sono oltre 136.000, pari all’89% dell’intero territorio provinciale, per una media di RD carta e cartone pari a circa 22 kg/ab..

immag. sfondo raccolta dif3 300x274

La maggior parte dei materiali raccolti provengono dalla raccolta “porta a porta” delle  utenze domestiche e delle utenze commerciali, ed in parte dalla differenziata stradale. La  migliore qualità per il recupero proviene dalla raccolta “porta a porta”.

Una volta raccolti carta e cartone, che in parte transitano negli impianti SACITE di  Cittaducale e Asm di Rieti, vengono destinati agli impianti di Terni, Ascoli Piceno,  Avezzano, Latina, Viterbo e Riano e Monterotondo in provincia di Roma.
Negli impianti vengono effettuate le fasi di selezione e pressatura, mentre il riciclo vero e  proprio avviene nelle cartiere: si ottengono così nuovi prodotti quali cartone per imballaggi,  fogli, quaderni, carta per usi domestici, ecc..
Nello specifico sono transitati nell’impianto ASM la carta e cartone dei Comuni di  Cantalice, Cittaducale, Morro Reatino, Poggio Bustone, Poggio Nativo, Rivodutri, Salisano,  mentre nell’impianto SACITE di Cittaducale quella dei Comuni di Belmonte in Sabina,  Borgo Velino, Castel di Tora, Colle di Tora, Marcetelli, Paganico Sabino, Petrella Salto,  Rocca Sinibalda.
Il materiale raccolto è stato destinato negli impianti al di fuori del territorio regionale: a Terni (Umbria) per i Comuni di Rieti, Colli sul Velino, Monte San Giovanni in Sabina; ad Ascoli Piceno (Marche) e Teramo (Abruzzo) per i comuni di Amatrice e Accumoli; ad Avezzano (Abruzzo) per il comune di Borgorose. Negli impianti siti nel Lazio le destinazioni principali sono state: Latina per i comuni di Castelnuovo di Farfa, Frasso Sabino, Monteleone Sabino, Poggio San Lorenzo, Toffia; Riano e Monterotondo in provincia di Roma per i comuni di Cantalupo in Sabina, Casaprota, Contigliano, Fara in Sabina, Forano, Greccio, Mompeo, Montenero Sabino, Montopoli di Sabina, Orvinio, Poggio Mirteto, Poggio Moiano, Pozzaglia Sabina, Scandriglia, Stimigliano, Tarano, Torricella in Sabina; Viterbo per i comuni di Casperia, Collevecchio, Configni, Cottanello, Magliano Sabina, Montasola, Montebuono, Poggio Catino, Roccantica, Selci, Torri in Sabina, Vacone.

Sono mancati all’appello del riciclo di carta e cartone 2014 i comuni di: Antrodoco, Ascrea, Borbona, Castel Sant’Angelo, Cittareale, Collalto Sabino, Collegiove, Concerviano, Fiamignano, Labro, Leonessa, Longone Sabino, Micigliano, Nespolo, Pescorocchiano, Posta, Roccantica, Turania, Varco Sabino.
(Dati a cura dell’Osservatorio Provinciale Rifiuti www.oprrieti.it istituito con i finanziamenti della Regione Lazio presso il Settore III della Provincia di Rieti)
Per sensibilizzare i cittadini e quindi incrementare la raccolta differenziata, in questo caso specifico della carta e il cartone, la Regione Lazio in accordo con COMIECO ha organizzato le “Cartoniadi” che quest’anno hanno visto affrontarsi – nel mese di novembre – il Comune di Rieti, il Comune di Borgorose e l’Unione dei Comuni della Bassa Sabina.

Infine sempre nell’ottica di incentivare questo tipo di attività l’ANCI (Associazione nazionale dei Comuni Italiani) e COMIECO (Consorzio Nazionale Recupero e Riciclo degli Imballaggi a base Cellulosica) hanno promosso un bando (consultabile a questo  link) che prevede rilevanti contributi destinati ai Comuni medio-piccoli che abbiano registrato performance molto al di sotto della media nazionale con un finanziamento, erogato da Comieco a fondo perduto, che potrà essere utilizzato dalle amministrazioni comunali per l’acquisto di nuove attrezzature necessarie ad effettuare o a migliorare il servizio di raccolta differenziata della carta e del cartone (cassonetti, campane, bidoni, sacchetti di carta, etc.) che scadrà il prossimo 15 gennaio 2016

“I dati sulla raccolta differenziata, non solo nel recupero della carta e cartone, nella nostra provincia indicano un trend di crescita che ci soddisfa e ci fan ben sperare per il futuro – commenta il presidente della Provincia Giuseppe Rinaldi – Ciò sta a dimostrare che la Provincia sta interpretando bene il suo ruolo di coordinamento e di intermediazione tra i vari enti. In quest’ottica, oltre alla erogazione e distribuzione dei fondi che la Regione mette a disposizione dei Comuni per la gestione del ciclo dei rifiuti, stiamo attivando e portando avanti collaborazioni e iniziative con i vari consorzi nazionali per sensibilizzare e informare i cittadini sulle buone pratiche per una raccolta differenziata efficace ed efficiente”.

Clicca qui per scaricare il PDF.