Questo sito utilizza i cookie tecnici per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. 

Trasmissione quarta copia formulario rifiuti tramite PEC

Tra le novità ambientali introdotte dalla Legge di Bilancio (legge n. 205/2017) viene consentito l’invio tramite PEC della quarta copia del formulario identificativo rifiuti (FIR).

La possibilità di trasmissione della quarta copia del FIR attraverso posta elettronica certificata (PEC) è prevista dell’art. 1 comma 1135 della legge n. 205/2017 e ribadita anche dalla recente nota del Ministero dell’Ambiente n. 1588 del 31/01/2018 (vedi allegati).

L’obiettivo della norma è quello di semplificare la gestione dei documenti di tracciabilità dei rifiuti avviando una graduale dematerializzazione degli stessi.

Le imprese e gli operatori hanno pertanto la facoltà di scegliere di quali strumenti/modalità avvalersi, documento cartaceo oppure informatico, garantendo comunque la massima tracciabilità dei flussi di rifiuti.

 

Fonte: ANCE

Call for ideas - Alla ricerca della plastica perduta

Corepla sostiene e trova risorse per finanziare progetti per la produzione e il riciclo degli imballaggi in plastica.

La plastica non va gettata nell’ambiente ma inserita nelle procedure di raccolta. 
Ad oggi, in Italia Corepla riesce a riciclare la plastica ai massimi livelli come i migliori paesi europei, ma si può e si deve fare di più! 
Guarda questo breve video per saperne di più:

COREPLA - Call for ideas 'Alla ricerca della plastica perduta' from TRIWU on Vimeo.

 

Call for Ideas avvia un rapporto con la ricerca universitaria e con gli enti di ricerca pubblici. Con le aziende, le startup e chiunque pensi di avere buone idee. 
Potete usare questa piattaforma per sottoporre i vostri progetti. Un comitato tecnico scientifico li valuterà e farà delle scelte. L’obiettivo è quello di realizzarli concretamente, con finanziamenti diretti, con attività di crowfunding curato e sostenuto da Corepla, o stabilendo incontri diretti fra idee e aziende. 
Corepla garantisce che siano rispettati i diritti di proprietà intellettuale e i dati sensibili di chi sottopone le idee. Qui trovate il testo completo del regolamento.

Corepla in questa Call ha il ruolo di ‘mediatore mediatico’, fornisce uno spazio per condividere idee e trasformarle in realtà. Corepla vuole essere un catalizzatore di idee.

Commissione UE: rendere tutti gli imballaggi in plastica riciclabili entro il 2030

Tutti gli imballaggi in plastica nel mercato UE saranno riciclabili entro il 2030, secondo l'ambizioso obiettivo della Strategia Europea per la Plastica presentata presentata alla Commisione UE il 16 gennaio 2018.

Nella comunicazione al Parlamento Europeo e Consiglio UE denominata "A European Strategy for Plastic in a Circular Economy" la Commissione europea a fissato gli obiettivi diretti da un lato a proteggere l'ambiente dall'inquinamento da plastica e dall'altro a promuovere al contempo la crescita e l'innovazione con l'obiettivo di modificare il modo in cui i prodotti sono progettati, realizzati, utilizzati e riciclati nell'UE.

Tali obiettivi verranno perseguiti attraverso proposte legislative dirette a modificare le norme sugli imballaggi. In particolare nel corso del 2018 la Commissione presenterà una proposta legislativa in materia di prodotti di plastica monouso e di attrezzature da pesca, con l'obiettivo di ridurre i rifiuti marini. Su tale intervento la Commissione ha aperto una consultazione pubblica tra gli operatori che si chiuderà il 12 febbraio 2018. Parallelamente verrà avviata la revisione della direttiva imballaggi 94/62/Ce che sarà pronta nel 2019.

Nella stessa giornata la Commissione ha approvato una comunicazione sull'interazione tra le politiche in materia di sostanze chimiche, prodotti e rifiuti.

Fonte: ReteAmbiente

Bolle e Balocchi, giocattoli riciclati per i bambini più poveri

Si è svolta sabato scorso, presso la sala parrocchiale di Regina Pacis, l’iniziativa “Bolle e Balocchi” organizzata da Asm insieme all’assessorato ai servizi sociali del Comune e al gruppo di volontariato Vincenziano durante la quale sono stati distribuiti i giocattoli, raccolti tra il 18 e il 25 novembre, presso le farmacie Asm. Il tema della settimana europea dei rifiuti 2017 era quello del riuso e, a tal fine, nel mese di novembre è stata organizzata questa iniziativa coniugando le tematiche ambientali con i bisogni di svago di bambini di famiglie meno abbienti.

L’iniziativa di distribuzione dei giocattoli è stata accompagnata dallo spettacolo, presentato da Monica Cherubini, del “Bertoldo Show” offerto da Accademia Eventi, che ha catturato l’attenzione e i sorrisi dei bambini con giochi di bolle e gag del simpatico Bertoldo,insieme a Guerrina, la “vecchietta sprint” impersonata dall’assessore ai servizi sociali, Giovanna Palomba che ha voluto portare in questo simpatico modo, il saluto e la vicinanza dell’amministrazione comunale ai bambini e alle famiglie presenti.A distribuire i giochi, la simpatica“befana smemorina”.

L’iniziativa ha visto la partecipazione attiva di Croce Rossa Italiana, ADRA, Centro Sanitario diocesano, I volontari del cuore, mensa di Santa Chiara, Guazzabuglio Emergenza e Povertà, Caritas Diocesana contando sulla vicinanza di Coop Centro Italia che ha partecipato a questo momento di solidarietà offrendo una merenda a tutti i presenti.

Un gesto questo, che conferma l’impegno quotidiano di Coop nel sociale che, attraverso il progetto “Buon fine” (prodotti non più vendibili per difetto del confezionamento o perché vicini alla data di scadenza) e la raccolta di generi alimentari con “spesa sospesa”, sostiene la mensa di Santa Chiara. Nei prossimi giorni è prevista la consegna di altri giochi presso le case famiglia del comune di Rieti e strutture di comunità.

“Solidarietà e sostenibilità a braccetto per un’iniziativa importante per tanti bambini grazie all’evento organizzato, in collaborazione con l’associazione di volontariato e l’assessorato ai servizi sociali del Comune di Rieti – ha dichiarato il presidente di Asm, Alessio Ciacci – attraverso momenti come questo, è possibile dare nuova vita a giocattoli che, ancora in buono stato ma non più utilizzabili, non diventano un rifiuto bensì fonte di nuovi giochi e sorrisi per altri bambini”.

“Solidarietà attiva che ha visto molte realtà territoriali coinvolte – ha detto l’assessore ai servizi sociali, Giovanna Palomba – in una iniziativa lodevole, finalizzata a regalare un sorriso ai bambini e non solo. Un momento di condivisione splendidamente organizzato in cui, tra bolle, balocchi e sorrisi, ognuno è potuto tornare bambino”.

Fonte: Rietilife

Tariffe TARI, criterio medio-ordinario anche nel 2018

Proroga al 2018 delle modalità di commisurazione della Tari (tassa rifiuti) da parte dei Comuni sulla base del criterio medio ordinario, secondo quanto previsto dalla legge 27 dicembre 2017, n. 205/2017.

L'articolo 1, comma 38 della legge di bilancio 2018 (legge 205/2017) nel modificare l'articolo 1, comma 652, della legge 147/2013 ha prorogato al 2018 la possibilità per i Comuni di commisurare la Tari sulla base del criterio medio ordinario (ovvero in base alle quantità e qualità medie ordinarie di rifiuti prodotti per unità di superficie in relazione agli usi e alla tipologia di attività svolte) e non sull'effettiva quantità di rifiuti prodotti, il c.d. metodo normalizzato, la cui applicazione generale viene dunque rinviata al 2019.

Si ricorda che la stessa legge 27 dicembre 2017, n. 205, all'articolo 1, comma 37 ha prorogato a tutto il 2018 la sospensione dell'efficacia di leggi regionali o delibere di Enti locali che prevedono aumenti di tributi locali. Tale sospensione però non riguarda la Tari, nè il "contributo di sbarco" ex Dlgs 23/2011.

 

Fonte: Reteambiente